Critica alle Critiche

Se non è la prima volta che vedete quest’immagine potete proseguire tranquillamente con la lettura!

Fare il promotore di software libero non è così facile come sembra. Non starò a spiegarvi le differenze tra Windows, Mac e GNU/Linux: ci sono già abbastanza battaglie tra fanatici e troll su forum e blog più disparati, né vi spiegherò perché l’uno dovrebbe essere migliore dell’altro. Sapete che adoro Ubuntu e questo vi basta.
Ci tocca aiutare gli utenti nel passaggio da licenze proprietarie a licenze libere, nella configurazione del nuovo sistema operativo, nel non far mancare nulla al neofita che lo faccia pentire del passaggio. Non è affatto un male, se consideriamo che può rivelarsi anche una soddisfazione personale, oltre al fatto che questa scelta comporta delle responsabilità nei confronti dell’utente “liberato”.
Purtroppo ci tocca spesso affrontare dei discorsi poco piacevoli, siano essi nella vita reale o virtuale, per niente facili da affrontare. Spesso e volentieri i “casual user” (mi piace chiamarli così) ci attaccano gratuitamente difendendo il loro “diritto” di non passare a GNU/Linux, distruggono con parole offensive gli sforzi di una comunità vastissima portando avanti discorsi tutt’altro che costruttivi sull’impeccabilità del loro amato sistema.
Ciò che sembra sfuggire all’utente medio è che il nostro intento non è quello di obbligare il passaggio ad un sistema operativo libero, non ne abbiamo il diritto né la possibilità di farlo. Il nostro compito è quello di promuovere licenze libere, di restituire all’utente il diritto di fare con il proprio computer tutto ciò che desidera, senza restrizioni di alcun genere.
Detto così è possibile che qualcuno scambi le nostre opere con quelle delle crocerossine…
Il vero problema di base è il fanatismo, con quello non si arriva davvero da nessuna parte.
A volte capita che l’utente alle prime armi con Debian, Gentoo, Fedora, Slax o qualsiasi altra distribuzione basata su Linux sia così contento da volerlo sbandierare al mondo, quando tutto ciò che vuole dire è riassumibile nelle poche parole: “Non sapete cosa vi siete persi finora”.
Eppure il discorso è abbastanza semplice: le cose non stanno esattamente come molti credono.
Non c’è dubbio sulla grandiosità del software a sorgente aperto. Ho appoggiato anche io campagne come Show Us the Code (in poche parole: “Caro signor Ballmer, avanzi contro Linux accuse sulla violazione di proprietà intellettuale, allora mostraci i sorgenti di Windows e vedremo cosa fare”) e no1984 (campagna contro il Trusted Computing); tuttavia Linux non occupa ancora una fetta di mercato abbastanza grande da convincere gli sviluppatori di software con licenza proprietaria a rilasciare lo stesso software anche per GNU/Linux, nonostante la sua inarrestabile crescita.
L’utente inesperto abituato a Mac o Windows trova difficoltà con gli ambienti desktop open source semplicemente perché si presentano sotto un aspetto un po’ diverso sebbene molte operazioni siano molto più semplici da effettuare; per quanto stia progredendo il mondo open source esistono programmi di cui si necessita per lavoro o hobby che non superano ancora le “controfigure a codice chiuso” (vedi il Gimp e Adobe Photoshop, ad esempio). Su questo non c’è da discutere: i computer sono stati creati per semplificarci la vita, non per complicarla.
Fortunatamente è possibile far convivere sullo stesso computer più sistemi operativi, sia in dual boot che tramite virtual machine, ma provare a convincere l’utente a passare definitivamente al pinguino è un’impresa utopica.
Deve essere lo stesso utente a giudicare se sia necessario eseguire il passaggio o meno, è giusto che sia così. Tutto ciò che mi auguro è che spero sappiate che il piacere di una scelta è sicuramente maggiore di quello di un’imposizione.
Per quanto riguarda il modo in cui ci vedono, ammettiamolo, non è che ci dispiaccia essere un po’ più originali!

Thunder Teaser

Annunci

~ di Montblanc su novembre 3, 2008.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: