Alcest, “Souvenirs d’un Autre Monde”

alcest.jpg

  1. “Printemps Émeraude” – 7:19
  2. “Souvenirs d’un autre monde” – 6:08
  3. “Les Iris” – 7:41
  4. “Ciel Errant” – 7:12
  5. “Sur l’autre rive je t’attendrai” – 6:50
  6. “Tir Nan Og” – 6:10

Quando un artista vero decide di regalare un sogno.
È questo il modo migliore per sintetizzare la valanga di emozioni che travolge l’ascoltatore durante i 41 minuti che compongono Souvenirs d’un autre monde, primo full-lenght del progetto Alcest. Partito come progetto parallelo di alcuni componenti dei black metallers francesi Peste Noire (con gli ep Tristesse Hivernale e Le Secret, essenzialmente buone prove di black metal), è diventato con questo primo lavoro la one-man band di Neige, chitarrista dei succitati.

neige-3.jpg

 (Neige, versione Alcest e versione Peste Noire)

Il giovane artista si prodiga nel tessere trame meravigliose in completa solitudine, suonando tutti gli strumenti con eccezionale perizia, raccontando la purezza e la dolcezza dell’infanzia. Alla base ci sono ovviamente le radici black metal del nostro (soprattutto gli Ulver di Bergtatt), unite a muri di suono tipicamente shoegaze (tipici dei primi Slowdive, dei My Bloody Valentine), passaggi acustici che sanno di Opeth e Red House Painters, voce sussurrata, quasi sfocata, che ricorda il clean di Carmelo Orlando dei Novembre. Questi sono i colori che Neige usa per dipingere scenari onirici che sanno di malinconia e di purezza, come una vecchia fotografia. Non c’è un singolo suono che è fuori posto, durante l’ascolto sembra di viaggiare in un meraviglioso scenario arcadico: in un bosco mattutino illuminato da un pallido sole, con tanto di rugiada e ruscello.
Tutte le tracce risplendono di luce propria, ma fra le altre spiccano la meravigliosa Sur l’Autre Rive Je t’Attendrai, arricchita dalla voce di Audrey Sylvain (con Neige negli Amesoeurs) e la primaverile Tir Nan Og (questa canzone trasuda voglia di vivere).

A detta del sottoscritto, il miglior disco del 2007.
Consigliato a tutti, qualunque genere musicale ascoltiate: gli indifferenti saranno pochi, garantito.

(Souvenirs d’un Autre Monde)

Charlie Brown 666…

…dans le bleu d’une mer sans fin.

Annunci

~ di Charlie Brown 666 su gennaio 8, 2008.

5 Risposte to “Alcest, “Souvenirs d’un Autre Monde””

  1. Ho ascoltato l’album e ne sono rimasto abbastanza soddisfatto. Soprattutto mi sono piaciute le sonorità ricercate, davverro insolite, ke trasportano e lasciano “vagar il pensier alle cose che vanno al nulla eterno”.

  2. bravo trespolo 😉

  3. Davvero molto molto bello, non mi stanca mai ascoltarlo. Grazie, Charlie!

  4. 😀

  5. Ho anche l’amore che la grande suono di quel tipo.
    una musica abbondante per tutti i tempi

    asphyxya1.wordpress.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: