Repo! The Genetic Opera

repo.jpg

Pronti al Rocky Horror Picture Show del 2000?
Molti, nel crossover fra musica e cinema, si chiedono se sarà possibile. Repo! The Genetic Opera è già stato un successo a teatro: adesso si passa al grande schermo, e le premesse sono incontestabilmente ottime. Partiamo dall’assaggio di trama che ci è stato dato: nel 2056 la terra sta attraversando una crisi che sembra irreversibile: a causa di frequentissime epidemie, la stessa sopravvivenza del genere umano è in pericolo. Gli scienziati battono l’unica strada di salvezza organizzando trapianti di organi, ovviamente destinati soltanto a chi è abbastanza facoltoso da poterne supportare il pagamento. Per i più poveri, però, si muove la GeneCo, una ricchissima azienda biotecnologica che offre trapianti di organi pagabili in comode rate. L’unico inconveniente, però, sta nel fatto che nel momento in cui la sfortunata persona che ha ricevuto la possibilità del pagamento rateale non riesce a saldare il suo debito, l’organo ritorna alla GeneCo: i Repo Men (assassini professionisti), esercitando la clausula di ripossessione, fanno in modo di riavere indietro ad ogni costo i preziosi organi. Una produzione che, ancora una volta, mostra quanto sia felice il matrimonio fra heavy metal ed horror (dai KISS a Dani Filth), e quanto la Lionsgate e la Twisted Pictures, dopo il ciclone Saw: L’Enigmista, continuino ad offrire film horror non classificabili come semplici e facili B-Movie. Componente fondamentale – pare ovvio: è un musical! – è la colonna sonora (prodotta da Yoshaki Hayashi degli X Japan), a cui parteciperanno membri di band heavy metal rinomatissime: nella fattispecie, Guns’n’Roses, Slipknot e Korn. Per quanto riguarda i protagonisti, tutti hanno avuto delle esperienze nell’ambito musicale: Paul Sorvino ha calcato i palchi di Broadway negli anni sessanta ed ha preso lezioni di canto per 18 anni; Sarah Brightman è un affermato soprano nonché cantante pop amatissima oltremanica; Bill Moseley canta nei Cornbug (assieme all’apprezzatissimo chitarrista Buckethead), oltre ad essere un volto noto del cinema horror (appare in Non Aprite Quella Porta II e nel remake – di Rob Zombie – dell’Halloween di Carpenter). Qualcuno, infine, ha storto il naso per la presenza di Paris Hilton, senza considerare che la signorina potrebbe rivelarsi una bella sorpresa (lo stesso Bill Moseley è parso piacevolmente impressionato) e che comunque – per la gioia del metallaro medio – nel film muore. La direzione del film è affidata a Darren Lynn Bousman, regista del secondo, del terzo e del quarto episodio di Saw – indubbiamente, un ottimo biglietto da visita.
Il film è in lavorazione: uscirà il 25 Aprile dell’anno venturo in America, quindi – si spera – in Italia per la fine dell’estate. Attendiamo ascoltando le prime – accattivantissime! – note dal trailer…

See ya… at the opera, tonight!

Charlie Brown 666

Annunci

~ di Charlie Brown 666 su dicembre 24, 2007.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: