Sig. Alighieri, lei non è adatto alla prima serata!

Torniamo a parlare di Benigni e Dante. Penso che tutti noi avremmo da ridire sul passaggio in terza serata dell’attore toscano. Ovviamente in prime time cosa mai potranno inserire? “Soliti Ignoti”- Identità nascoste” ! Ecco a voi come viene presentato nei palinsesti RAI:

“Dopo il grande successo riscosso nelle 78 puntate andate in onda da giugno a settembre, il 6 dicembre torna in prima serata su RaiUno, per quattro giovedì, il programma rivelazione dell’anno: “Soliti Ignoti – Identità nascoste” con Fabrizio Frizzi

Purtroppo si tratta di 'sto qui...

Già da qui abbiamo ovviamente compreso che la Rai ha deciso di scegliere la quantità alla qualità infatti prosegue dicendo:

“Leader indiscusso dell’access prime time durante tutta l’estate, con quasi 6 milioni di telespettatori e nella media del 27,45% di share media, con picchi di oltre il 30% di share, dopo gli speciali in prima serata il programma tornerà dal 2 gennaio nella sua collocazione originaria, prendendo il posto di “Affari tuoi” nella fascia strategica che segue il Tg1 delle 20.00

Benigni col lauro

Ora proviamo ad analizzare la situazione. Benigni non avrà avuto tutto quel successo che ci si aspettava e di conseguenza i produttori RAI hanno ben pensato di slittare in terza serata l’appuntamento con Dante. Slittarlo, non debellarlo, per non rovinare i palati più fini e rischiare di perdere la fetta di share composta dagli spettatori colti. O forse semplicemente per non perdere la collaborazione con un artista del calibro di Roberto. La colpa non è dei produttori della rete nazionale e nè tanto meno di Benigni, ma del pubblico, del telespettatore medio. Eppure la RAI dichiara di aver avuto un indice di ascolto molto alto il 29 novembre con lo spettacolo made in Firenze. E dunque i miei dubbi sono i seguenti: questa decisione da dove scaturisce? Vogliamo dare precedenza all’idiozia? Forse il programma è sembrato politicamente scorretto? La RAI non è la TV libera? Perché allora si è costretti a pagare il canone? Gente, svegliatevi da questo letargo, avete già dormito abbastanza! C’è una vita fatta di sapere e di meraviglie che vi aspetta. Abbattete questi muri che sono stati posti tra voi e la cultura. VIVETE!

Nel mezzo del cammin di nostra vita
mi ritrovai per una selva oscura,
ché la diritta via era smarrita.”

(Inferno, Canto I)

the Real Dreamer

Guardate quanto è triste Dante!

Annunci

~ di the Marius su dicembre 20, 2007.

2 Risposte to “Sig. Alighieri, lei non è adatto alla prima serata!”

  1. La verità è sempre la stessa: l’Italia ha i governanti ke si merita e le televisioni mandano ciò ke gli italiani vogliono. Nn illudiamoci, dell’Italia tanto elogiata da Benigni nella puntata del 29 Novembre resta solo un pallido ricordo, nn sorprende ke l’Italia sia risultata il paese più ignorante d’Europa. Scusate lo sfogo ma ultimamente mi sento sempre più skiacciato dal dilagante disinteresse, per nn dire ripulsa,per la cultura, dalla stragrande maggioranza di persone cui se si prova a parlare di cultura, in qualunque sua forma, ci verrà risposto spendendo poche parole annoiate per poi passare a parlare del’ ultimo capo di moda, dell’ultimo gossip o dell’ultima festa. Possibile ke sia una cerkia così ristretta quella ke si interessa anke solo minimamente di ciò ke dovremmo avere di più caro? Io intanto stasera accenderò quell’apparecchio quadrato ke ormai cerco di utilizzare sempre meno e mi godrò Benigni, ke ancora una volta riuscirà a farmi commuovere e cerkerò di condividere, senza comprenderlo, quell’amore per l’Italia ke sembra ciò ke dà a Benigni quella “Scintilla di infinito” (frase tanto cara al fiorentino).

  2. mi è venuto in mente, leggendo il commento del trespolo, quanto fosse stupida la gioventù italiana, soprattutto – spero nn me ne vogliate – in età liceale (anche all’università ce ne sono, ma – almeno da me il campo – è ridottissimo). ricordo la manifestazione contro la nuova riforma, quella che voleva combattere chi si permetteva di reintrodurre l’esame di recupero a settembre. gli italiani sono fra i peggiori studenti di scuola media superiore d’europa, un’imposizione del genere avrebbe potuto metterli di nuovo sui libri (nessun liceale vorrebbe sacrificare l’estate per un esame di riparazione, no?) e magari far scoprire che dentro quei cosiddetti mattoni c’è una cosa che si chiama cultura, e che – cacchio! – è una cosa molto apprezzabile, e soprattutto nn può far che bene (dal cervello al mondo, il passo è piccolo).

    castelli (di carta) in aria.

    che benigni continui a declamare a pubblico ristretto: in fondo si sono spesi fiumi di parole su quanto fosse acculturata la tivvù della terza serata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: