Rule of Rose, il gioco proibito.

Può darsi che sia un gioco troppo profondo per essere compreso da persone che non hanno mai tenuto un gamepad in mano. Sto parlando di tutte le critiche scaturite da un articolo apparso su un non recentissimo numero di Panorama. “Vince chi seppellisce la bambina”, il titolo apparso in prima pagina. Recensito come un gioco capace di emozionare solo le menti pedofile, un gioco disgustoso e perverso che non dovrebbe mai essere messo in commercio. Un dibattito sul videogioco si è anche visto in tv su Canale 5, dove sono stati mandati in onda alcuni spezzoni del trailer presentato all’E3 (che, poi, è anche il filmato introduttivo del gioco vero e proprio). Date uno sguardo al filmato, in modo che possiate capire meglio ciò che sto per dire:

Innanzitutto il personaggio principale di questo gioco per PlayStation2 si chiama Jennifer, ed ha 19 anni. Anche non conoscendo l’età della ragazza, si nota ad occhio nudo la differenza di statura tra lei e i bambini del Clan degli Aristocratici. Nel gioco non viene seppellita alcuna bambina e non viene effettuata violenza su minori. L’inchiesta di ritirare il gioco dal commercio è stata dunque annullata a causa di numerose critiche alla disinformazione del recensore di Panorama (che, tra l’altro, sembra abbia scopiazzato l’articolo da un utente del forum di GamesRadar). Il PEGI aveva già stabilito che il gioco è adatto a chiunque abbia più di 16 anni, dunque che non si venga a lamentarsi nel caso in cui una copia dovesse capitare tra le mani di un minore a causa della negligenza dei genitori. Per come la penso io, anche i videogiochi sono forme di cultura che a volte dicono anche più di un romanzo. In questo caso, stiamo parlando di un survival horror più unico che raro. Chiunque sarà quasi sicuramente a conoscenza dei maggiori titoli di questo genere: Silent Hill e Resident Evil. Rule of Rose presenta delle caratteristiche che lo rendono unico, completamente diverso dai due re dell’horror. Scopriamole insieme:

  • Trama

Sicuramente il punto più a favore del titolo in questione. Sarà proprio la trama a spingervi a continuare a giocare per scoprire cosa succede dopo. Dotata di una tecnica narrativa superlativa, la storia comincia in una notte di Marzo del 1930 in Inghilterra, quando Jennifer viene spedita in un orfanotrofio dopo la morte dei genitori. Un bambino sul bus mostra a Jennifer un quaderno scarabocchiato che racconta la storia de “La Piccola Principessa“, la quale protagonista è proprio la povera Jennifer. Da qui in poi l’atmosfera misteriosa che circonda questo gioco sfiderà i vostri nervi.

  • Grafica

Tra le console di seconda generazione la PS2 è sicuramente quella con la capacità grafica inferiore. Tuttavia il rendering e le texture sono veramente buone, quasi il massimo desiderabile da una PS2. In termini cinematografici la sceneggiatura e la regia sono ottime, è realizzato in tal modo da sembrare un blockbuster (o, almeno, se ne traessero un film farebbe un figurone!). I luoghi possono sembrare monotoni, ma insieme alla musica e agli effetti sonori creano un’atmosfera unica. “Giocaci tu!”, mi disse Dr. Jackal, “Ma è la tua partita!” risposi. “Vabbè ma non c’è bisogno che giochi per forza, mi basta guardare”. Penso abbia reso l’idea, no?

  • Sonoro

La colonna sonora di Rule of Rose, eseguita da Yutaka Minobe (forse lo conoscerete per Panzer Dragoon Orta oppure Skies of Arcadia), è di quelle che ti entrano nella testa senza chiedere. Le note composte con maestria sul violino vi accompagneranno per tutto il gioco. A lungo andare i brani potranno sembrarvi ripetitivi, ma sono tremendamente d’effetto. Per quanto riguarda gli effetti sonori c’è da dire che le risate dei bambini alle vostre spalle incutono veramente timore… da brivido!

  • Giocabilità

Ciò che può far storcere un po’ il naso è il controllo del personaggio. Bisogna comunque ricordare che si tratta di un survival, dove è molto più coerente una Jennifer che cammina a passo felpato, spaventata e tentata dalla voglia di fuggire, che una ragazzina che corre avanti e indietro per le stanze come se si trovasse al Luna Park. La modalità di gioco è molto intuitiva, inclusa l’interazione con gli oggetti e le persone. Geniale la possibilità (anzi, la necessità) di farsi aiutare da Brown, l’unico amico del quale la nostra Piccola Principessa potrà fidarsi, assegnandogli qualcosa da fiutare. Il cagnolino abbaierà e ci condurrà nel luogo dove si trova il “tesoro” oppure abbasserà la testa per farci capire che è desolato di non aver trovato nulla. Sarà praticamente impossibile incontrare dei punti morti: la storia è costruita in modo che si sappia sempre cosa fare. I combattimenti contro le malvagie creature sono numerosi, peccato solo che ritorni il problema del controllo: molto spesso sarà difficile mirare nel corretto modo. Tuttavia i combattimenti non sono sempre necessari, spetterà a voi decidere se affrontare le vostre paure o fuggire in preda al panico.

  • Longevità

Non si può certo dire che il gioco sia longevo, ma il tempo necessario per portare a termine il gioco è quello di un comune survival horror. Il tasso di rigiocabilità si riduce alla possibilità di sbloccare costumi extra.

RESOCONTO

Trama = 10
Grafica = 8
Sonoro = 9
Giocabilità = 8
Longevità = 7

TOTALE = 8,4

Ci troviamo davanti ad un gioco che sicuramente vale la pena di giocare. Riuscirà ad avvicinare dei nuovi giocatori al suo genere e a portare in campo qualcosa di veramente originale tra gli amanti dell’horror. Una storia che probabilmente non riuscirà a mettervi i brividi come Silent Hill, ma che sicuramente rimarrà impressa nella vostra mente. Se lo trovate sugli scaffali, prendetelo ad occhi chiusi e non ne rimarrete delusi, parola mia!

Thunder Teaser

Advertisements

~ di Montblanc su marzo 17, 2007.

21 Risposte to “Rule of Rose, il gioco proibito.”

  1. Non mi è ancora kiaro perchè panorama ha fatto una critica del genere: dal poco che ho visto e da quello riportato qui mi sebra un tantino affrettata come conclusione,è meglio informarsi, prima di sputare sentenze!ma ke ci vogliamo fare questo è panorama!

  2. una sana demonizzazione è più semplice e di maggior presa rispetto ad una recensione per cui avrebbero dovuto (SACRILEGIO!) provare il gioco. This is the way…

  3. Vi rimando qui
    http://www.videoludica.com/news.php?news=441
    per approfondire il discorso sull’articolo apparso su Panorama. Vi avrei linkato anche l’articolo originale, ma CHISSÀ PERCHÈ è stato cancellato…

  4. e poi….tanto per la cronaca…se proprio ci dovessero essere figure violente in questo gioco..beh..allora sono i bambini…Di violenza sui minori proprio non ce ne sta…semmai è quella povera disgraziata di jennifer che ne passa di tutti i colori..

  5. È esattamente così, mia dolce CAVIA…

  6. guagliù PippaMentis non è fatta per fare il sentimento! 😀
    (doppio asd+mezzo LOL carpiato)

  7. dovrebbe essere veramente un bel gioco, la trama affascina molto…
    nn sn d’accordo sulla recensione dll grafica qnd dici ke la ps2 è “sicuramente
    di capacità grafica inferiore tra le console di prima generazione”…
    allora ounto prima la ps2 nn è una console di 2a generazione bensi di 6a, e nn penso ke abbia qualità grafike inferiore rispetto alle concorrenti della stessa generazione(Xbox e Nintendo Game Cube).

    Cio è confermata da qst link su wikipedia ke vi spiega tt so console e roba varia:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Console_%28sistema_per_videogiochi%29
    see ya

  8. @ Armando: Innanzitutto ho parlato di “seconda” generazione, dove per generazione si intende quella delle console da 32 bit in poi (chiamala nuova “generazione”, “generazione 3D”, o come ti pare). Poi è un dato di fatto che la configurazione hardware della PS2 sia inferiore a NGC ed Xbox. Per quanto riguarda la capacità grafica delle console di seconda generazione abbiamo quindi PS2 all’ultimo posto, GameCube al secondo, Xbox al primo.
    Comunque fidati: RoR è veramente un capolavoro.
    Ciao!

  9. Bè sapete ke vi dico io nn ho la ps2 ma solo l’xbox, quindi nn potrò usufruire di questo gioco, avrei volentieri rinunciato alla grafica se avessi saputo come stavano le cose

  10. io avrei volentieri rinunciato alla Microsoft anche per dello sterco di cane 😀

  11. RAGAZZI QUESTO è UNO DEI MIEI GIOKI PREFERITI è RILASSANTISSIMO!LE MUSIKE E GLI AMBIENTI NON MI INQUIETANO…NON PENSATE KE SONO PAZZA HAHA!KMQ VOLEVO DIRE KE LE POKISSIME SCENE DI SANGUE (TIPO QND PIKKIANO UNA MI PARE) NON SONO MOLTO FORTI!+ KE ALTRO SONO I DIALOGHI KE INFLUISKONO IN EFFETTI SOLO MENTRE CI SONO I DIALOGHI MI INQUIETA UN PO’…DEL RESTO NON SONO UNA KE SI LASCIA SPAVENTARE MOLTO…L’UNIKO GIOKO KE è RIUSCITO A FARMI AVERE UNA PAURA TERRIBILE è STATO SILENT HILL…

    LUVVV YAA! JOLIE*

  12. Scusate sapreste dirmi il titolo della canzone anni 30 k s sente nell’intro….? grazie

  13. @ MoMo: Si chiama “A Love Suicide” (conosciuto anche come “The Theme of Rule of Rose”), del compositore Yutaka Minobe che ha composto la colonna sonora dell’intero gioco. Ciao!

  14. Rule of Rose è molto ben congegnato, ma è leeeeeentissimoooo.

    E’ il suo difetto principale insieme al pessimo rilevamento delle collisioni. Molte volte un colpo ben assestato non colpisce affatto (e ti pestano!).

    Infine i caricamenti, frequentissimi e scoccianti (interrompono il fluire del gioco). Lo stesso pessimo difetto di Mafia per PS2.

    Comunque, l’ho finito oggi ed è finito molto male e molto tristemente. Devo essere incappato nel finale peggiore….

    Per inciso, tutto il can-can fatto da Panorama è la solita fuffa giornalistica di uno scopiazzatore di nome Guido Castellano, preso in castagna e svergognato pubblicamente. Non c’è nulla di vero, il gioco non esalta pedofilia o sesso (anzi, il rettore bavoso è messo nella cattiva luce che merita), e l’accusa di lesbianismo è ridicola. Tutto quello che si (intra)vede nei filmati cinematici è NULLA in confronto ai film che passano al cinema (e in TV), ed è da educande se raffrontato alle popp.. eehm, alle tett.. oops, ai seni assurdi di Lara Croft!

    Piuttosto, è un gioco che fa pensare quanto i bambini siano inclini al bullismo e alla prevaricazione (preludio a quello che saranno da grandi…??). Un tema scomodo che in Italia si è ancora restii ad affrontare.

  15. assomiglio a diana 😄 la adoro è perfidissima and i like it!

  16. Secondo me Rule of Rose nn è un gioco ke ispira a violenza , pedofilia e sadicismo !
    E’ un bellissimo gioco ke solo quelli cn un filo di cervello riescono ad apprezzare !
    Secondo me vale cm acquisto , è una specie di romanzo dal filo della storia molto sottile ma affascinante !
    I discorsi possono confondere ma il resto ti coinvolge tantissimo ! 🙂
    Insomma nn stiamo parlando di squartamenti , teste ke volano , corpi mutati ed ecc…
    parliamo di un’avvincente storia consigliata (secondo me) ad un pubblico dai 13-14 in sù !
    16 cm dice il gioco se si vuole andare a fondo cn la trama !
    Io lo consiglio vivamente e sconsiglio di giocarci tanto sennò ve lo rovinate tutto !

  17. Scusate, potreste pubblicare tutta la storia e quindi come finisce?
    Io nn ho il coraggio di giocarci ma mi piacerebbe sapere perchè tutti quanti ce l’hanno con Jennifer e dicono che è stata una cattiva ragazza.
    Cosa c’è sotto? Lei ha veramente fatto qualcosa di male? E poi perchè non se lo ricorda? Ha per caso perso la memoria?

  18. Il problema della trama, l’ unico, è che non si capisce bene. Ci ho giocato anni fa e mi piacque tantissimo. Spesso mi aspettavo qualcosa di più che non arrivava mai. Sto ancora attendendo un sequel o qualcosa del genere. Un film non sarebbe male!
    Io non ci vedo nulla di strano nella storia come dicono i bacchettoni italiani. Prendiamo VM 18 della Santa Croce ma siccome è un romanza nessuno ha avuto da dire chissà che cosa! Hai ragione: anche un videogioco è cultura.

  19. Disseppellisco topic ormai morti da secoli,comunque se panorama avesse sperimentato il gioco avrebbe capito,che non vine seppllita viva nessuna bambina,il video iniziale trae in inganno,e lo si scopre solo giocando chi è che in realtà e chiuso li dentro .

  20. Scusate, potreste pubblicare tutta la storia e quindi come finisce?
    Io nn ho il coraggio di giocarci ma mi piacerebbe sapere perchè tutti quanti ce l’hanno con Jennifer e dicono che è stata una cattiva ragazza.
    Cosa c’è sotto? Lei ha veramente fatto qualcosa di male? E poi perchè non se lo ricorda? Ha per caso perso la memoria?—> in realtà lei non ha fatto nulla di sbagliato,tutti i casini le succedono sono la causa della gelosia della ragazza con i capelli rossi,Wendy mi pare si chiama ,se vuoi ti inviò un blog con i dettagli della trama.piu che perdere la memoria ha ricordi vaghi sul quel periodo della sua vita visto che lei aveva si è no sui 10 anni
    quando sono avvenuti tutti gli avvenimenti,il suo e una specie di incubo dove rivive le angosce vissute in infanzia,che con il tempo si sono assopite nel suo inconscio

  21. Bellissimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: